Approffittando del caso Paciotti del 27 Maggio, educhiamo ad un corretto utilizzo del Fuoristrada

Share Button

Visto l’ennesimo episodio increscioso accaduto il 27 Maggio come si vede in questo articolo di Cronache Maceratesi:

http://www.cronachemaceratesi.it/2013/05/27/paciotti-finisce-con-lauto-nel-fiume/330170/

noi del “il Camoscio dei Sibillini” riteniamo utile far sapere che con Il fuoristrada non si può andare ovunque, in mezzo a prati o alvei fluviali liberamente, in primo modo per la propria incolumità personale, poi per il rispetto della natura!

Poi ricorda sempre che, se vuoi fare attività fuoristrada ricorda che:

vai piano sui percorsi forestali o strade bianche aperte al libero accesso;
• puoi percorrere solo i tracciati consentiti individuati dai Comuni;
• se ti muovi sui percorsi fuoristrada dopo intense precipitazioni il danno e
l’erosione del suolo saranno maggiori;
• rispetta sempre i pedoni e i ciclisti che incontri.

Non parcheggiare sul prato!
Parcheggia nella piazzola di sosta e non sul prato schiacciando l’erba! Le aree
prative sono ricche di vita.

 

IL PARCO DEI SIBILLINI ,IN PARTICOLARE, E DA ESEMPIO PER TUTTI GLI ALTRI TERRIOTORI, FRA L’ALTRO ENUNCIA:

DISCIPLINARE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ SPORTIVE ED ESCURSIONISTICHE E DI MANIFESTAZIONI MOTORISTICHE NEL TERRITORIO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

Approvato con DCS n. 34 del 28/06/2007 e s.m.i. (ultima modifica DCD n. 29 del 16/06/2009)

TITOLO II – NORME GENERALI

ART. 5 – ATTIVITÀ VIETATE

 

2.    E’ altresì vietato:

a.    il transito, se non autorizzato dal Parco, dei mezzi motorizzati fuori dalle strade gravate dai servizi di pubblico passaggio e private esistenti nonché lungo sentieri, mulattiere e piste; il parcheggio e la sosta dei mezzi motorizzati fuori dalle aree appositamente destinate; sono fatte salve le attività svolte per esigenze di servizio, di pubblica utilità o connesse alle attività agro-silvo-pastorali e di manutenzione delle piste e degli impianti da sci;