FIORITURA di Castelluccio 26 Giugno 2016

Share Button

Escursione FOTOGRAFICA alla FIORITURA DI CASTELLUCCIO Domenica 26  Giugno 2016 – WWW.CAMOSCIOSIBILLINI.IT
Alla scoperta delle splendida fioriture dei campi di lenticchie di castelluccio di norcia, per cui castelluccio è famosa nel mondo

difficoltà: facile
equipaggiamento: SCARPONI DA TREKKING!!!! cappelli, crema solare, acqua al seguito

prossima escursione:

2 luglio 2016 (Sabato)

3 luglio 2016 (Domenica)

4 ore di semplice passeggiata,

Costo :  10 € (sconti per bambini)

 PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA, 48 ORE PRIMA DELL’EVENTO! GRAZIE!!!

RITROVO: ORE 10:30 Piazzetta di Castelluccio di Norcia (attenzione ordinanze di viabilità e parcheggio presenti!)

PER CONFERMARE LA PARTECIPAZIONE INVIATECI UNA EMAIL O UN SMS

(con Nome, Cognome, numero di cellulare, indirizzo email e numero di partecipanti)

GUIDA PROFESSIONISTICA ABILITATA CON NORMATIVA NAZIONALE
E ISCRITTA ALL’AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche) numero di iscrizione : MR060 controllate sul sito: www.aigae.org

LA QUOTA COMPRENDE:
– L’ASSICURAZIONI INFORTUNI E MORTE PER LE PERSONE ACCOMPAGNATE
– ATTIVITA’ DI VISITA GUIDA BOTANICA, CON SPIEGAZIONI PAESAGGISTICHE E BOTANICHE

Cell: 3282864307
E-mail: info@camosciosibillini.it
Sito Ufficiale: www.camosciosibillini.it

LA FLORA DI CASTELLUCCIO DI NORCIA

Il paese è situato su una collina che domina una vasta piana di origine tettonica e carsica, detta “il Pian Grande”. Dal punto di vista architettonico il paese è compatto: le case sono raggruppate in centro e formano una struttura concentrica in cima alla collina. Le stalle sono rivolte verso l’esterno in modo che il letame ed i rifiuti possano essere scaricati sulle pendenze.

La fioritura dei campi di lenticchie, per cui Castelluccio di Norcia e il Pian Perduto di Castelsantangelo sul Nera sono famosi in tutto il mondo, è dovuta principalmente a 4 specie erbacce infestanti  dei campi coltivati principalmente a lenticchie, che, in ordine di periodo di inizio fioritura, sono:

SENAPE (GIALLO), LUPINELLA-VICINELLA (ROSA-FUCSIA), PAPAVERO (ROSSO) e FIORDALISO (BLU)

 

PRENOTATI E CHIEDICI INFO SCRIVENDO QUI SOTTO:

La pastorizia rappresenta tuttora un elemento importante per l’economia della zona. Attorno alle case e soprattutto sui pendii della collina, vista la grande influenza antropica, si è sviluppata una vegetazione nitrofila assai particolare. Sono state segnalate per l’abitato di Castelluccio di Norcia, tre associazioni in particolare: Chaerophylletum aurei, Conietum maculati e Heracleo-Rumicetum obtusifolii, formate tutte e tre da alte erbe nitrofile. Il seguente è un elenco dettagliato delle specie facenti parte di queste associazioni:

Agropyron repens L., Anthemis tinctoria L., Arctium minus (Hill.) Bernh., Artemisia vulgaris L., Asperula arvensis L., Ballota nigra L., Bromus sterilis L., Campanula glomerata L., Capsella bursa pastoris (L.) Med., Capsella rubella Reuter, Carduus pycnocephalus L., Chaerophyllum aureum L., Chelidonium majus L., Chenopodium album L., Chenopodium bonus henricus L., Chrysanthemum parthenium L.,Cirsium arvense (L.) Scop., Conium maculatum L., Cruciata laevipes L., Dactylis glomerata L., Galium aparine L., Geranium pyrenaicum Burm., Geum urbanum L.,Heracleum sphondylium L., Heracleum sphondylium L. ssp. ternatum (Valen.) Brummit, Lamium maculatum L., Lapsana communis L., Lolium perenne L., Malva neglecta Wallr., Malva sylvestris L., Medicago lupulina L., Poa alpina L., Poa trivialisL., Ranunculus lanuginosus L., Rumex crispus L., Rumex obtusifolius L.,Sambucus ebulus L., Sambucus nigra L., Sanguisorba minor Scop., Silene alba(Miller) Krause, Stachys germanica L. ssp. germanicaStachys silvatica L.,Stellaria media (L.) Vill., Sylibum marianum (L.) Gaert, Taraxacum officinaleWeber, Thlaspi perfoliatum L., Trifolium repens L., Urtica diodica L., Veronica chamaedrys L., Veronica persica Poiret (HRUSKA K., 1982).
Tra le specie vegetali di particolare valore ecologico dell’Appennino Umbro Marchigiano, segnalo Ribes uva-crispa L. (uva spina, in dialetto castellucciano “lo marsinu”) della famiglia delle Saxifragaceae, (vedi la foto a destra) un arbusto spinoso e deciduo alto 1-2 metri che a seconda della quota e della stagione, fiorisce ad aprile-giugno e fruttifica ad agosto-settembre. I frutti sono bacche ovoidi o globose, giallo-dorate a maturazione, se consumati immaturi hanno proprietà lassative, dimagranti, anabolizzanti, colicriniche e deostruenti biliari. I frutti maturi, sono dolci e possono essere utilizzati per preparare marmellate (PIOTTO B. et al. 2005).

 

INVIACI UN EMAIL PER MAGGIORI INFORMAZIONE, SCRIVICI ANCHE NOME E COGNOME E NUMERO DI TELEFONO: