Foto

Share Button

Fotografia naturalistica

La fotografia naturalistica è un genere fotografico che concentra la propria attenzione sulla bellezza di fauna e flora selvatica immerse nel proprio ambiente naturale.

Descrizione

Lo scopo di questo genere fotografico è quello di mostrare la bellezza intrinseca della natura. Per raggiungerlo vengono utilizzate sia tecniche che strumenti fotografici particolari quali le trappole fotografiche e la fotografia d’appostamento.

Per le caratteristiche delineate, il genere della fotografia naturalistica può inglobare anche altri generi fotografici purché i loro scatti siano stati eseguiti e rappresentino lo stesso spirito. Alcuni dei più classici esempi di generi fotografici inglobati sono da ricercare all’interno della fotografia paesaggistica e della macrofotografia.

Praticanti

La fotografia naturalistica è praticata sia da professionisti documentaristi che da amatori ma in ogni caso richiede molta pazienza e pratica perché per ottenere dei buoni risultati è necessario conoscere sia l’ambiente naturale in cui si opera che le abitudini della fauna che lo abita. L’accortezza nel non influenzare l’ambiente con la propria presenza e il cercare o l’attendere gli eventi e gli istanti migliori per lo scatto sono una caratteristica fondamentale di questo genere fotografico.

Per la tipologia dei soggetti trattati e per l’indole del generico fotografo naturalista si può parlare di una particolare etica associata a questo genere fotografico che, attraverso la divulgazione degli scatti fotografici, educa e sensibilizza a modelli di coscienza ecologica e responsabilità.

La fotografia naturalistica come fatto di cultura

L’A.F.N.I., Associazione Fotografi Naturalisti Italiani, intende la fotografia naturalistica come fatto di cultura, come mezzo per raccontare uno degli infiniti capitoli del grande libro della Natura.
Per fare questo è importante che il fotografo capisca che è essenziale “l’ecologia” del soggetto, sia esso un ambiente nel suo complesso, una singola specie o una situazione di comportamento.
Solo allora potrà ritenersi un fotografo naturalista. Questa visione di una fotografia più culturale è particolarmente importante oggi che l’ambiente subisce violenze di ogni genere, poiché l’etica del fotonaturalista scaturisce proprio dalla conoscenza e senza di essa egli rischia di trasformarsi in vandalo.
La foto, insomma , non concepita come una serie di scatti carpiti vagando con il teleobiettivo e privilegiando esclusivamente l’aspetto “sportivo”, la rapidità di messa a fuoco, o la “difficoltà” del soggetto.
Queste sono le condizioni al contorno, certamente importanti, indispensabili e suggestive, ma ciò che conta è soprattutto il senso del “discorso”.
E’ con questa mentalità che l’A.F.N.I. si propone, attraverso le attività coadiuvate dal Consiglio direttivo, da quelle organizzate a livello locale dalle Sezioni, e dal contributo di tutti i soci, di dare un aiuto concreto alla conoscenza e quindi alla tutela del nostro patrimonio naturale.

Macchine:

Reflex Canon EOS 60D

Bridge (Compatta) Canon Powershot SX30 IS

 

Obiettivi:

Canon EF-S 18-55mm f/3.5-5.6 IS II

Sigma 150-500mm F5-6.3 APO DG OS HSM

 

Flash:

Canon Speedlite 270EX II

 

Filtri/polarizzatori:

Hoya HRT CIR-PL UV 67mm

 

Cavalletti:

Tripod YF F-377

 

Custodie:

Canon Deluxe Gadget Bag 100EG

LowerPro Apex 110 AW

PER INFORMAZIONI: